Blog

Le energie femminili dell’oscurità e la Crona

This post is also available in: en hr fr it de pt-br pt-pt es

Darkness and the Crone
Print Friendly, PDF & Email

Le energie femminili dell’oscurità possono talvolta confonderci, perché sono differenti a seconda che siano ‘dinamiche’ o ‘ricettive’, e noi incarniamo entrambe queste modalità nei nostri cicli mestruali e nelle nostre vite. Possiamo notare che il crescente desiderio di stare per conto proprio e la crescita dell’oscurità interiore della fase pre-mestruale – o ‘dell’Incantatrice’ – dei nostri cicli sono diversi rispetto alle energie quiete e recondite della Luna Nuova e della fase mestruale – o della Crona. Possiamo osservare come il ciclo lunare con l’oscurità crescente della mezzaluna decrescente sia differente dalle energie nascoste e calme della Luna Nuova.  

Possiamo fare esperienza di queste diverse tipologie di oscurità femminile nei vari momenti della nostra vita man mano che invecchiamo e ci trasformiamo da Donna Ciclica ad abitante del mondo della post-menopausa (post-‘Sofia’).

Non esiste solo una forma di oscurità, ce ne sono due – così come esistono due stadi di luce:

  1. Un periodo di cambiamento – di crescita o decrescita.
  2. Un periodo di compimento e calma.

Quando viaggiamo attraverso la fase pre-mestruale procediamo danzando su un percorso di cambiamento che va dalle energie piene di luce dell’ovulazione a quelle profonde e oscure della mestruazione. Le nostre energie fisiche, mentali ed emotive diminuiscono con la luce, ma la nostra intuizione, la nostra consapevolezza spirituale, il nostro potenziale magico e creativo aumentano con l’oscurità.

Questo percorso nell’oscurità non è però fluido – le energie ci portano a sperimentare picchi e difficoltà. I picchi ci danno la forza di portare l’intuizione e la magia nascosta nel nostro sub-inconscio nella vita di tutti i giorni per creare e cambiare noi stesse e il mondo. L’archetipo dell’Incantatrice dell’oscurità crescente vuole essere selvaggio e libero! Lei desidera esplorare ed esprimere chi è veramente e le energie che sente. E’ la Danzatrice dinamica, turbinante tra la luce e l’ombra, tra il mondo interiore e il mondo esteriore.  

Gradualmente, tuttavia, l’oscurità aumenta tanto da diventare più potente della luce del mondo esteriore, e il nostro mondo interiore spirituale acquista maggiore rilievo. La Danzatrice poi si ferma nella fase mestruale, e diventa Crona – oscurità ricettiva. La luce se n’è andata, e ora lei è completa nella sua oscurità. Resta immobile, non dovendo trasformarsi in nulla e lasciar andare nulla. È compiuta in se stessa, e in quell’interezza accetta il mondo per come è. Sa perdonare e dimenticare perché vi sono ego, motivazione, stimolo o bisogno di cambiamento – c’è soltanto l’immobile unicità dell’anima dell’Universo. Questo è il nostro viaggio ogni mese, seguiamo il flusso che ci porta dall’oscurità dinamica a quella ricettiva.

Questo percorso di oscurità dinamica e ricettiva si riflette in ogni età della nostra vita. Tra i 40 e i 50 anni, quando il nostro corpo comincia a cambiare, muoviamo i primi passi sul cammino dell’Incantatrice. Al principio abbiamo in noi molta energia luminosa e ci concentriamo sul mondo esteriore, ma non appena affrontiamo il viaggio nel nostro mondo interiore – il mondo spirituale – l’oscurità inizia ad aumentare. Il nostro ultimo sangue (la nostra ‘Sofia’) è a metà strada tra la luce e l’oscurità e, in seguito, sul nostro cammino l’oscurità prende il sopravvento sulla luce.

Non c’è un’età prestabilita per entrare nella fase dell’oscurità ricettiva della vita – quella della Crona – poiché la nostra esperienza di vita, la nostra salute fisica e i nostri sforzi per combattere il fluire del ciclo della vita possono influenzarla. Alla fine però il combattimento cessa, l’impeto si arresta, e non vediamo più il mondo esteriore ma quello interiore.

La Crona è l’Anziana che siede accanto al fuoco, che non è interessata al mondo là fuori, che – come il nostro sé più giovane della mestruazione – possiede un po’ del mondo esterno, ma un infinito mondo interiore. La Crona è l’anima dell’Universo, il suo corpo può essere vecchio e curvo ma l’anima-luce brilla splendente attraverso di lei.

Noi non siamo la Crona fin quando non incarniamo in noi l’oscurità ricettiva.

Mia madre ha 91 anni – lei è Crona.

 

Per ascoltare la voce della Crona potrebbe farti piacere leggere i suoi messaggi nel libro “Spiritual Messages for Women” o esplorare le sue energie nei libri “Luna Rossa” e “Female Energy Awakening”.

Bookshop

 

Translator: Nelly Moretti – reviewer Alessandra Sorrenti

This post is also available in: en hr fr it de pt-br pt-pt es