Blog

DONNE: La conoscenza più pericolosa di tutte

This post is also available in: en fr it

Print Friendly, PDF & Email

Circa cinque anni fa qualcosa del mio lavoro di supporto alle donne nel riconoscere la loro natura ciclica e la mutevolezza delle capacità e abilità percettive – iniziò a preoccuparmi: e se persone senza scrupoli iniziassero a usare queste informazioni per manipolare, sfruttare e reprimere le donne?

È interessante notare che CI SONO persone e organizzazioni che attualmente raccolgono i dati sui cicli mestruali delle donne – ma queste persone non provengono da un ambiente medico, che potrebbero quindi usare le informazioni per convalidare la nostra natura ciclica e fornire una migliore cura e benessere per le donne, ma da società commerciali e ONG. E queste informazioni vengono raccolte e condivise senza il nostro consenso o conoscenza. Vedi questo rapporto: https://www.nbcnews.com/tech/tech-news/some-apps-send-data-about-menstruation-home-buying-facebook-wsj-n974711

Qual è la conoscenza più pericolosa di tutte? Scoprire che il ciclo mestruale è legato al cambiamento delle capacità e della percezione nelle donne. Perché potrebbe esserci un pericolo? A causa del possibile uso di queste informazioni in modo negativo per manipolare e influenzare le donne.

Cosa accadrebbe se una società pubblicitaria conoscesse la natura ciclica delle donne e tracciasse i dettagli del tuo ciclo mestruale? Potrebbe facilmente indirizzare i tuoi social media e il tuo web a pubblicità e prodotti che potrebbero utilizzare queste informazioni a scopo di lucro o per motivi più sinistri.

Un esempio “divertente” è rappresentato dalle aziende produttrici di cioccolato, gelati e popcorn che potrebbero pubblicizzare i loro prodotti in armonia con la tua fase pre-mestruale. Ma cosa succederebbe se ci fosse una manipolazione ancora maggiore? Come inviare le richieste di rinnovo di un abbonamento durante la tua fase mestruale – quando è meno probabile che leggerai tutti i dettagli o identificherai una truffa – o magari un incremento dei canoni o variazione dei diritti in qualità di consumatore? Non voglio dare più esempi perché non voglio dare più idee a queste aziende!

È vero, molte di noi non hanno cicli regolari – ma c’è ancora una buona percentuale di donne che sono regolari, indipendentemente dalla durata del loro ciclo.

Un altro pensiero: cosa succederebbe se le aziende chiedessero i tuoi dati mestruali così da offrirti un giorno libero ogni mese durante il momento delle mestruazioni? Sarebbe grandioso ma ci sono altre implicazioni. Queste informazione potrebbero essere diffuse in modo negativo per dimostrare che le donne non sono affidabili come gli uomini e che quindi non dovrebbero raggiungere le posizioni più elevate all’interno dell’azienda. Queste informazione potrebbero essere utilizzate per mettere deliberatamente le donne in difficoltà – ad esempio, pianificando interviste ed esami, test, scadenze e riunioni durante la fase premestruale o durante la mestruazione delle donne in un deliberato tentativo di rendere le cose più difficili per loro.

In questo momento, nessuno sa in quale fase del nostro ciclo ci troviamo in un determinato momento, quindi non possono trarre un vantaggio negativo da queste informazioni. Ma sappiamo e POSSIAMO trarre vantaggio intenzionale dalle nostre abilità potenziate o “ottimizzate” in ogni fase del ciclo – vedi il mio libro “The Optmized Woman” per maggiori informazioni (a breve disponibile anche in italiano). Ma se la nostra specifica fase dovesse essere resa nota, questa informazione potrebbe essere usata per promuovere l’idea che le donne sono meno capaci di svolgere gli stessi compiti degli uomini in determinati momenti. Noi donne stiamo già sostenendo abbastanza lotte come la disparità salariali, i “soffitti di cristallo”, le molestie sessuali e disparità nei diritti – senza dover creare ulteriori barriere!

Quindi cosa facciamo con questa conoscenza – “la conoscenza più pericolosa di tutte”?

Nasconderla di nuovo come è stato in passato?

No! La condividiamo!

Lasciamo che ogni donna conosca la sua natura ciclica e gli enormi benefici e le capacità ottimali che porta.

Diciamo loro di stare attente a chi trasmettono online le loro informazioni mestruali.

E diciamo loro di far caso agli annunci online per notare se in qualche modo sono in fase con i propri cicli – così da capire se alla base c’è una targetizzazione. PERCHÉ ACCADRÀ. Forse non ancora – il mondo sta ancora recuperando le donne – ma la tecnologia e gli affari agiscono velocemente quando vedono un vantaggio.

Noi donne non siamo vulnerabili o stupide o pigre o meno abili in determinati periodi del mese. Non siamo inaffidabili. Non siamo meno degli uomini. Siamo fantastiche!

Pensa semplicemente a ciò che abbiamo ottenuto SENZA aver considerato la nostra natura ciclica. Siamo uguali agli uomini anche quando la società è orientata a favorire il modo di lavorare maschile e lineare!

Pensa cosa potremmo ottenere se ci venisse data la libertà della nostra Natura Ciclica e accordato il rispetto a queste mutevoli abilità dentro di noi.

La mia speranza è che le donne diventino più consapevoli del ciclo prima delle società pubblicitarie.

Sembra che accadrà a breve.

 

Miranda Gray

Autrice di ‘The Optimized Woman – Using your menstrual cycle to achieve success and fulfilment’

www.mirandagray.co.uk

www.optimizedwoman.com

 

Grazie a Veronica per la traduzione!

This post is also available in: en fr it