Blog

Miranda risponde ad alcune domande sulla Womb Blessing!

This post is also available in: en hr fr it pt-br pt-pt

Print Friendly, PDF & Email

Siamo felici di condividere con la Comunità della Womb Blessing® questa intervista a Miranda realizzata dalla Moon Mother Mayella Almazan nel gennaio 2019. Mayella è attualmente un’attiva Tessitrice (Weaver) della comunità della Womb Blessing® in Irlanda e Moon Mother® del Team di coordinamento irlandese. Sarà a breve anche Moon Mother® Teacher di Primo Livello. Questa intervista è stata una fantastica opportunità per spiegare alcune semplici concetti di base che hanno ispirato Miranda a dare origine alla Womb Blessing®… inoltre Miranda spiega la differenza tra “essere colei che dà origine” ed “essere la creatrice”. Godetevi la lettura!

 

Ciao Miranda, ti ringrazio moltissimo per avermi concesso questa intervista.

Per prima cosa vorrei conoscere la tua opinione sul perché gli argomenti legati a femminilità, cicli mestruali e femminile sacro siano diventati così popolari. A tal proposito, lo avevi previsto o è stata solo una fortuita serendipità  il cominciare a condividere la Womb Blessing proprio quando questo interesse stava iniziando a crescere e a espandersi in tutto il mondo? 

Miranda Gray

Miranda: ho lavorato molti anni per aiutare le donne a comprendere la loro natura ciclica, le loro energie e la spiritualità squisitamente femminili. Il mio primo libro Luna Rossa è stato pubblicato nel 1994, ma dalla fine degli anni ‘90 e per tutto il decennio successivo l’interesse per la spiritualità  e le energie femminili è andato progressivamente scemando. Soltanto otto anni fa circa si è accesa una nuova scintilla che ha riportato l’attenzione su questi argomenti, e quella stessa scintilla ha innescato un incendio in tutto il mondo.

Gran parte del mio lavoro ha visto la luce prima che le donne fossero pronte ad accoglierlo. Per esempio, The Optimized Woman (La Donna Ottimizzata) è stato pubblicato per la prima volta nel 2009, e solo adesso le donne stanno scoprendo questo libro e tutti i benefici di cui si può godere applicando i concetti e le informazioni in esso contenuti alla loro vita quotidiana, a livello personale e lavorativo. Pertanto, in tutti questi anni ho imparato a essere paziente e a lasciare che le cose seguano il loro corso con i loro tempi.

Quale sorpresa e quale piacere è stato invece per me vedere che le donne erano pronte quando ho lanciato per la prima volta la Worldwide Womb Blessing nel 2012! Penso comunque che questa pronta risposta alla Womb Blessing non sia derivata da un consapevole passo avanti verso il risveglio femminile, ma dalla presa di coscienza che qualcosa di fondamentale mancava nelle loro vite e che c’era una diffusa sensazione di incompletezza e di mancata realizzazione personale. Tale sentimento proveniva forse da anni in cui le energie femminili erano state molto deboli o magari dal fatto che la tecnologia in pieno sviluppo stava cominciando a connettere le donne in tutto il mondo, consentendo loro di condividere le loro esperienze, ma anche di creare sempre più aspettative perché le donne fossero allo stesso livello degli uomini.

Avverto molto intensamente che le donne hanno raggiunto un punto in cui percepiscono che qualcosa manca per loro nella vita moderna e sono alla ricerca della loro realizzazione. Stanno  comprendendo che per raggiungere questo obiettivo hanno bisogno di amare e vivere la loro natura ciclica.

 

Parli molto dell’importanza del ciclo mestruale nella vita delle donne nei tuoi workshop e nei tuoi libri. Qualcuno potrebbe osservare che focalizzandoti così tanto sull’impatto di una funzione biologica sulla vita delle donne ne stai privilegiando l’eredità biologica e ignorandone l’influenza culturale o sociale sulle nostre scelte e sui nostri stili di vita.

Miranda: Una domanda veramente interessante e che fa riflettere!

Nel mio lavoro sono sempre partita da uno schema concettuale basato sul ciclo biologico degli ormoni – però spiego sempre che il mio impegno non si sofferma sulla biologia, ma sull’esperienza delle donne. E’ sperimentare ciò che siamo che è importante, e per le donne con un ciclo mestruale l’esperienza della vita è influenzata dal ciclo. Tu dici che la cultura e la società hanno un’influenza sulle donne, il che è vero, ma la natura ciclica delle donne a sua volta influenza cultura e società anche se inconsapevolmente. Il ciclo mestruale ha un  impatto su tutti gli aspetti della vita femminile – sulle energie fisiche e sessuali, i sentimenti, la creatività. Ma ciò che più conta è che influenza la loro percezione passando da una fase all’altra. Come ognuna percepisce il mondo e se stessa durante una fase cambia in quella successiva, e ciò è dovuto a un cambiamento nel loro naturale livello dominante del pensiero. Ovunque vi siano delle donne, c’è un effetto del loro ciclo mestruale – e dunque il ciclo influenza la nostra cultura e la nostra società, che se ne sia o meno consapevoli.

Tuttavia, l’influenza della società è stata a dominio maschile per migliaia di anni e tale approccio ha avuto un impatto sulla vita delle donne e sul modo in cui hanno percepito la propria femminilità. Ha cercato di denigrarne, ignorarne o reprimere la natura ciclica. Le donne avvertono e vedono cambiamenti in loro stesse, ma se non ricevono dalla società una spiegazione positiva e convalidante di ciò che stanno sperimentando, allora l’interpretazione delle loro esperienze viene percepita come sbagliata e bisognosa di correzione. Tuttavia, la causa del problema è la percezione della società – e non c’è proprio nulla di sbagliato che una donna debba correggere.

Dunque, per rispondere alla tua domanda! Direi che la società dominata da un pensiero a orientamento maschile ha avuto un enorme impatto sul nostro stile di vita e sulle nostre scelte, ed è tempo che le donne riconoscano che tale influenza ignora o respinge abilità e talenti incredibili che esse posseggono in quanto esseri ciclici, e che quando loro stesse comprendono e accettano la loro natura ciclica e la esprimono nel mondo, non soltanto sentono di essere autentiche in ciò che sono, ma offrono anche al mondo il meglio di loro stesse. La situazione non esclude la reciprocità – la natura ciclica delle donne gioca un ruolo nello sviluppo consapevole della società e della cultura.

Usi spesso l’espressione “femminilità autentica”. A cosa ti riferisci? Ci può essere un concetto o una comprensione a livello globale di come appare le femminilità autentica per tutte le donne o questa può essere soltanto qualcosa di personale e unico per ognuna?

Miranda: Uso l’espressione ‘femminilità autentica’ per descrivere il modo in cui le donne sperimentano la loro femminilità senza l’influenza di un modello di riferimento lineare/maschile.

Ogni donna sperimenta in modo unico il proprio ciclo mestruale, e ciò nonostante vi sono cose che le donne hanno in comune, al di là della cultura e della società in cui sono state cresciute. Tali esperienze derivano dalla consapevolezza del proprio corpo, dal modo in cui noi interagiamo col mondo, da come pensiamo e sentiamo. Questa è la nostra ‘femminilità autentica’– un’esperienza diretta del mondo ed espressione nel mondo che deriva dalla consapevolezza di chi siamo. Pertanto, la femminilità autentica ha un livello che tutte condividono, e questo offre l’opportunità di creare una più profonda empatia, comunicazione e legami tra donne di diverse provenienze. Il modo in cui portiamo questa autentica femminilità nel mondo è modellata dalla nostra individualità, dalla nostra comprensione, dai miti interiori che creiamo per capire noi stesse, dalla nostra formazione e da quello che la società ci consente di fare.

 

Alcuni gruppi o movimenti femminili sono spesso biasimati per essere riservati solo a un’élite, in special modo per donne bianche della classe media. C’è un paese o più di uno in cui questo lavoro è più popolare che in altri? Diresti che la comunità della Womb Blessing si riflette in  questa critica?

Miranda: La visione della Womb Blessing è condividerla con il maggior numero di donne nel mondo.

Alla Worldwide Womb Blessing partecipano donne appartenenti a più di 150 diverse nazioni. Abbiamo partecipanti dell’America del Nord, dell’America Latina, del Nord Africa, dell’Europa, dell’Asia e di piccole isole come l’Isola di Pasqua, le Galapagos, la Polinesia e La Réunion.

La Worldwide Womb Blessing è offerta gratuitamente a tutte le donne, e se qualcuna non ha accesso a Internet cerchiamo di aiutarla in ogni modo a partecipare. C’è un villaggio in Africa la cui lingua non ha una forma scritta, per cui le donne hanno imparato le meditazioni a memoria per essere in grado di partecipare.

Qualsiasi donna senza distinzione di provenienza, religione, condizione fisica, educazione, lingua, etnia, orientamento sessuale, status economico, residenza e nazionalità è la benvenuta nella Worldwide Womb Blessing. E per raggiungere questo scopo lavoriamo con un gruppo di incredibili traduttrici volontarie che traducono la meditazione della Womb Blessing nel maggior numero di lingue possibile – al momento ne contiamo 16.

I paesi dove la Womb Blessing è al momento più popolare sono il Centro e Sud America e le  nazioni europee di lingua neolatina. Quelli dove l’interesse è minore sono generalmente i paesi anglofoni. Comunque il quadro generale sta cambiando, dato che sempre più donne stanno esplorando la Womb Blessing, per cui direi: ‘aspettiamo di vedere cosa succederà prossimamente!’

Un’altra osservazione comune che viene fatta sui workshop di formazione spirituale e crescita personale è che spesso sono troppo costosi. Che iniziative hai preso – tu che hai dato origine alla Womb Blessing – per rendere questo lavoro e quello offerto dalle Moon Mother accessibile in tutto il mondo? 

Miranda: La Worldwide Womb Blessing è gratuita per tutte le donne, e tutte possono avervi accesso.

Come risposta alla prima Worldwide Womb Blessing molte donne mi chiesero di imparare come condividere personalmente la Benedizione (Blessing) con altre donne. Tutto ciò che faccio si rifà alla visione originale della Womb Blessing, e ho capito che iniziare le donne a Moon Mother – così che potessero offrire una Womb Blessing personale – avrebbe permesso alla Benedizione di raggiungere più donne nel mondo.

Il mio intento relativamente ai workshop per Moon Mother è di renderli accessibili economicamente e di adattarmi al livello finanziario di ogni singola nazione. A ogni modo, ci sono sempre spese consistenti da sostenere, specialmente in caso di lunghi viaggi, e talvolta avere prezzi bassi per i workshop significa non riuscire ad avere abbastanza studentesse per coprire le spese. Per me è importante che l’abbondanza scorra e dunque non è corretto chiedere a chi organizza il corso di non ricevere una ricompensa per l’impegno profuso nel suo lavoro. Cerco in questo modo di mantenere un equilibrio. Sono decisamente consapevole della differenza nelle aspettative culturali in tutto il mondo e ascolto sempre i consigli delle mie organizzatrici locali. Non sta a me stabilire il prezzo, quanto piuttosto ascoltare l’esperienza, la conoscenza e i suggerimenti su ciò che funziona bene in quel singolo paese.

In più, offro dei posti a prezzo ridotto in cambio di aiuto, e due posti come borse di studio gratuite per ogni workshop a donne che magari non hanno le risorse economiche, ma che in cambio si impegnano a offrire il loro lavoro a beneficio dalla Womb Blessing e magari portare la Womb Blessing in nuove aree.

Il workshop per Moon Mother è stato creato per diventare ‘operatrici’ e col proposito consapevole di aiutare le donne e offrire loro l’opportunità di trarne un guadagno. Non è un workshop per la crescita personale, pertanto le Moon Mother sono in  grado non solo di recuperare quanto speso per la loro formazione, ma anche di ricevere un introito continuo– cosa molto importante per quelle che vivono in paesi dalle condizioni economiche precarie.

 

In relazione alla domanda precedente, ti riferisci a te stessa come colei che ha dato origine alla Womb Blessing, piuttosto che la sua creatrice. Qual è la differenza?

Miranda: Mi sento più a mio agio nell’usare l’espressione ‘dare origine’ perché sento che la Womb Blessing e la comunità della Womb Blessing non sono qualcosa che ho ‘creato’.

Non ho certamente iniziato con lo scopo di creare la meravigliosa comunità internazionale che abbiamo oggi. L’idea della Womb Blessing mi è giunta come una piccola scintilla. Ho portato quella scintilla nel mondo e da tutto il mondo le donne hanno risposto alimentando una fiamma. Altre hanno aggiunto dei rami al fuoco e hanno acceso un falò. Alcune scintille sono volate via dal falò – e sono le Moon Mother, le volontarie della Womb Blessing, le traduttrici, le organizzatrici dei workshop e i Gruppi di Coordinamento. Ed esse vanno nel mondo e creano altre fiamme e altri fuochi, i loro. Pertanto sento di essere stata la scintilla di ispirazione, e sono le donne che a essa hanno risposto le vere ‘creatrici’ della Womb Blessing.

 

La comunità della Womb Blessing si sta diffondendo velocemente nel mondo, Miranda. Sai quante Moon Mother ci sono in tutto? E man mano che la comunità si allarga, come riesci ad assicurarti che tutte le culture, e i credo religiosi/spirituali di ogni paese che visiti siano rispettati e onorati?

Miranda: In questo momento, ci sono 5.500 Moon Mother sparse in 61 nazioni.

Una delle cose che mi rende più felice e che è anche stimolante a livello creativo è conoscere le differenze culturali e trovare il modo di incrociarle in modo che tutte siano incluse e non isolate dall’aspetto internazionale della comunità. Ritengo che il lavoro con la Sacralità Femminile rechi in sé un’eredità di comprensione nella quale Lei si esprime in molti modi differenti ed è conosciuta con tanti nomi diversi nel mondo. Basta guardare gli oggetti che le donne portano ai workshop, appartenenti a tante diverse forme di spiritualità e religioni, per apprezzare il modo in cui coloro che vivono nel mondo moderno onorano diversi aspetti della spiritualità femminile. C’è una intesa intrinseca sul fatto che non esiste un solo cammino o una sola espressione della divinità. Pertanto abbiamo tra noi donne che seguono le maggiori religioni, alcune che hanno diversi cammini spirituali e altre che percorrono una loro via spirituale indipendente. Sono tutte espressioni della spiritualità naturale femminile e per tale motivo vi è un genuino rispetto reciproco delle proprie credenze e della loro espressione all’interno della comunità.

Mi trovo nella posizione privilegiata di godere di un punto di vista mondiale, ma non è l’unico aspetto positivo. Uno dei piaceri della Womb Blessing è connettersi con donne appartenenti a diverse culture e nazioni. Nella maggior parte dei workshop ci sono donne-studentesse che vengono da più nazioni differenti, e questo aspetto aiuta ognuna a sentirsi parte di una famiglia globale. Anche Internet consente di mettere in contatto donne di culture diverse, e questo genera una genuina curiosità nella condivisione della lingua, della cultura e della spiritualità. Sono estasiata quando vedo l’impegno delle donne che affrontano un lungo viaggio per frequentare i miei workshop, quando sento parlare tre lingue nella stessa discussione, e vedo come credi e provenienze multiple vengono espresse.

Sento che le donne, risvegliandosi alla loro femminilità autentica, si stiano aprendo al mondo e alle altre intorno a loro, e rispettare la diversità reciproca è una parte naturale di ciò che noi siamo come donne.

 

 

Ti ringrazio tantissimo Miranda per il tempo che mi hai dedicato e per tutte queste intuizioni che hai condiviso. Non vedo l’ora di incontrarti in Irlanda al Raduno Internazionale delle Moon Mother. 

 

 

 

This post is also available in: en hr fr it pt-br pt-pt